Omelie di Mons. Antonio Donghi

3 agosto 2011

XVIII DOMENICA T.O. – ANNO A – 31 Luglio 2011

Filed under: g. Luglio 2011, Omelie anno 2011 — papolino25 @ 19:53
Letture: Is 55,1-3 Rm 8,35.37-39  Mt 14,13-21
OMELIA

Domenica scorsa Gesù ci invitava a crescere nella consapevolezza che noi apparteniamo a Lui per cui tutta la nostra esistenza è costruita nel suo mistero.

Oggi l’Apostolo Paolo afferma in modo chiaro che noi “non possiamo vivere senza Gesù Cristo”.

Non esistono valori storici che possono essere superiori alla persona del Maestro riscoprendo che, solo con i suoi occhi e con il suo cuore, noi possiamo camminare nell’esperienza quotidiana della vita.

Prendendo coscienza che noi veramente dobbiamo essere nel Signore, il Maestro, oggi, ci si presenta come colui che ci educa ad essere veramente uomini: Gesù Maestro d’umanità. Infatti, la bellezza di tutto l’evento della salvezza è la passione di Dio per l’uomo, perché l’uomo possa in modo – vero e autentico –  ritrovare se stesso.

Il brano evangelico attraverso tre verbi ci permette di accedere alla personalità umana del Maestro per farci godere della felicità d’essere uomini. L’Evangelista ci dice che Gesù, appena sceso dalla barca, vide una grande folla, sentì compassione per loro e guarì i loro malati.

Ha visto, ha sentito compassione, ha guarito.

In questi passaggi c’è tutta l’espressione dell’amore umano di Gesù che, per l’uomo, dona totalmente sé stesso. Innanzitutto il primo verbo: vide una grande folla…… cosa vuol dire vedere?

Spesso noi non approfondiamo i linguaggi della nostra sensibilità e quindi non riusciamo a cogliere la profondità del mistero della vita.

Vedere è costitutivamente far passare l’altro nel proprio cuore.

(more…)

Annunci

1 agosto 2011

XVII DOMENICA T.O. – ANNO A – 24 luglio 2011

Filed under: g. Luglio 2011, Omelie anno 2011 — papolino25 @ 19:49
Letture: 1 Re 3,5.7-12 Rm 8,28-30  Mt 13,44-52
OMELIA

La presenza del Signore nella storia dell’umanità è la fonte della novità del mondo.

Il Signore è dentro di noi e tra di noi per instaurare il suo regno e quindi, dicevamo domenica scorsa, ha realizzato quella comunione e pace universale a cui ogni uomo continuamente aspira.

Ma in questo ambito molto ampio il discepolo, questa mattina, viene invitato da Gesù a porsi in stato di ricerca poiché se il regno è il dono che attraverso Gesù Dio fa all’umanità, dall’altra parte l’uomo, per natura sua è chiamato ad una ricerca, perché la ricerca è la verità del senso della sua esistenza.

Il discepolo è colui che, raggiunto dal Maestro, si pone in cammino in un cammino veramente inesauribile per raggiungere la pienezza della realizzazione della sua vita.

Ma perché l’uomo nell’itinerario della sua storia, in questo grande orizzonte del regno, è chiamato a porsi in stato di ricerca?

La risposta ce l’ha data Paolo attraverso quella parola che, nella storia, ha avuto diverse interpretazioni, ma che è il senso più vero di questa inesauribile ricerca che un uomo è chiamato a vivere nella sua vita.

La parola che Paolo ha usato è: “Siamo predestinati a diventare immagine di Dio”; qui riscopriamo il mistero all’interno della nostra vita perché, questa parola, esprime il mistero di Dio nei confronti dell’umanità.

(more…)

19 luglio 2011

XVI DOMENICA T.O. – ANNO A – 17 luglio 2011

Filed under: g. Luglio 2011, Omelie anno 2011 — papolino25 @ 21:54
Letture: Sap 12,13.16-19 Rm 8,26-27  Mt 13,24-43
OMELIA

La vivente imitazione di Cristo è l’anima della gioia d’essere suoi discepoli.

Questa mattina il Maestro, convocandoci attorno a sé, mentre da una parte ci fa prendere coscienza che in Lui dobbiamo creare un mondo nuovo – poiché il Signore in mezzo a noi fonda il suo regno – dall’altra ci insegna come imitarlo perché questa fecondità della sua Presenza possa veramente dilatarsi nel mondo e le due parabolette centrali del Vangelo di questa mattina ci possono aiutare.

Se vogliamo veramente diffondere il regno e quindi creare quel mondo di giustizia, di pace e di bontà che il Maestro vuol regalare all’umanità, dobbiamo riscoprire due virtù essenziali, per poter veramente infondere questa esperienza nel mondo intero: il gusto della piccolezza e la gioia del nascondimento. Sono i significati che possiamo cogliere dalle due parabole che Gesù, questa mattina, ci ha regalato perché queste due esperienze, la piccolezza e il nascondimento, sono state la caratteristica della sua vita storica.

Il discepolo, quando sente in sè stesso l’urgenza di creare un mondo nuovo è chiamato a imitare il Maestro, contemplandolo in questi due atteggiamenti.

Innanzitutto è importante ritrovare il “gusto della piccolezza”.

(more…)

12 luglio 2011

XV DOMENICA T.O. – ANNO A – 10 luglio 2011

Filed under: g. Luglio 2011, Omelie anno 2011 — papolino25 @ 19:46

Letture: Is 55,10-11 Rm 8,18-23 Mt 13,1-23

OMELIA

Il tempo che la Provvidenza ci offre è un momento determinante per comprendere sempre più chi sia Gesù. Il centro della nostra vita è solo lui.

La sua mentalità è il senso di ogni nostra scelta e, l’essere trasfigurati in lui, è il fine di ogni frammento di vita.

Ecco allora che Gesù, questa mattina, per aiutarci ad entrare in questo orientamento attraverso il dialogo con i suoi discepoli ci dice una cosa sola: chi comprende la sua parola? Solo il discepolo.

Chi non è discepolo intende le parole, ma non le comprende, sente parlare di Gesù e magari ha anche la parola “Gesù” sulla bocca, ma non entra nella sua verità di vita.

Essere discepoli è sostanzialmente uno stile di vita, è una interiorità che permea tutta la facoltà del soggetto e gli dà capacità di operare delle scelte in perfetta sintonia con il Maestro.

Ecco perché Gesù ha detto: “A voi è dato di conoscere il mistero del regno dei cieli, agli altri di impararlo”…. per poter entrare in questa vocazione, ed essere discepoli, per poter capire la figura di Gesù.. perché, fuori da tale orizzonte, diventa problematico di essere cristiani.

Sostanzialmente il discepolo è chiamato a vivere tre passaggi: lasciarsi afferrare dal Maestro, abbandonare tutto ciò che non appartiene a tale evento per crescere in sintonia con lui.

(more…)

Older Posts »

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.